Ecologia umana. Umano, post-umano, transumano.

10 Mag Ecologia umana. Umano, post-umano, transumano.

Le catastrofi naturali, dovute in parte a barbarie umana, i danni irreparabili al paesaggio causati da scempi edilizi, la scomparsa di specie vegetali e animali a motivo di gravi alterazioni dell’ecosistema come conseguenza di insostenibili sviluppi della tecnica, gli stessi danni alla salute umana da attribuire a dissennati comportamenti dell’uomo stesso hanno fatto sì che si sia diffusa l’idea che la scienza ecologica costituisca una dura requisitoria contro l’agire umano fino a diventare una potente denuncia dell’antropologia ebraico-cristiana che pone l’uomo al centro della creazione. La frase della Genesi (2, 15): «Il Signore Dio prese l’uomo e lo pose nel giardino di Eden, perché lo coltivasse e lo custodisse», viene considerata da un ecologismo radicale («antiumanesimo verde») l’origine di tutti i misfatti causati a una natura che tale ecologismo neopagano rende sacra e intangibile dopo averla destituita della sua vera identità di natura creata.

Scarica articolo